NOTA! Questo sito utilizza i cookie tecnici.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Nel Museo Civico di Scienze Naturali di Faenza sono conservati numerosissimi fossili ritrovati nelle prime colline dell'appennino Tosco-Romagnolo.

Alcuni di questi fossili appartengono a Ciclidi che vissero in queste zone.
Questo Ciclide viveva nelle lagune di formazione della attuale Vena del Gesso romagnola tra 5,5 e 5,2 milioni di anni or sono (circa). Questo è un pezzo scientificamente molto importante perchè e l'olotipo (l'originale in base al quale è stata istituita una specie nuova per la scienza) di:
Pisces, Osteychtyes, Cichlidae
Oreochromis lorenzoi
CARNEVALE G., SORBINI C. & LANDINI W., 2003.Oreochromis lorenzoi, a new species of tilapiinae cichlid from the Late Miocene of Central Italy. Journal of Vertebrate Paleontology 23 (3): 508-516
Olotipo: n. inv. MSF26
Località tipo: cava SPES di Tossignano (BO)
Formazione: Gessoso-solfifera - Messiniano medio-superiore Esemplare Rinvenuto da Paolo Viaggi e da questi donato al M.C.S.N. di Faenza. 
Specie "dedicata" a Lorenzo Sorbini (direttore del Museo di Storia Naturale di Verona, studioso di pesci fossili ed in particolare della ittiofauna fossile – famosissima – di Bolca): tra gli autori della specie la figlia di Lorenzo Sorbini (dott. ssa Chiara) e lo specialista prof. Walter Landini (Univ. di Pisa).
Questo è un Oreochromis sp. dei giorni nostri.
 

Torna indietro

logo tetra logo sera aqua -logo logo_cia logo_prodac_home logo nls  
SHG JBL logo aquaristica AquiliBanner aquaplantarum logo iemmi